Ordina ora e riceverai la tua Cannabis Light tra le 18.00 e le 24.00 - Scrivici in chat o chiama al 351 982 7931 per ordinare :)

Il CBD e la Depressione

Introduzione

La depressione è una patologia psichiatrica molto più diffusa di quanto si pensi. Può interessare adulti, giovani, anziani ed addirittura bambini.

Si stima che la depressione colpisca il 10/15 % dell'intera popolazione mondiale, parliamo di cifre altissime!! Non è divisa equamente tra uomini e donne, che purtroppo quest'ultime ne soffrono maggiormente.

Secondo l'OMS la depressione diventerà la seconda malattia invalidante al mondo solo dopo le malattie cardiovascolari, e già ai giorni nostri è tra i primi tre motivi di suicidio.


Cos'è la Depressione?

Ma cos'è realmente la depressione?

Molti pensano che sia semplicemente una malattia mentale o semplice tristezza, ma in realtà è molto più complessa.

La depressione influisce sull'intera vita della persona, dalla sfera emotiva, all'umore del soggetto, sul corpo con sintomi fisici ed influenza negativamente la vita sociale e lavorativa.

I sintomi con cui la depressione si manifesta possono variare in base alla forma depressiva che interessa il paziente e della sua gravità, senza contare che potrebbe esservi anche una variabilità soggettiva da individuo a individuo.

Di seguito elenchiamo i principali e più diffusi sintomi che si avvertono:

  • Persistente ed accentuato umore basso e triste
  • Frustrazione
  • Diminuzione dell'interesse e del piacere nel svolgere qualsiasi tipo di attività
  • Scarsa autostima
  • Difficoltà di concentrazione
  • Assenza di desiderio sessuale
  • Mancanza di appetito
  • Insonnia

La depressione spesso può associarsi anche a stati d'ansia e a pensieri suicidi o autolesionisti


Cosa fare in caso di Depressione?

La risposta a questa domanda non è semplice.

Certamente, la prima cosa da fare sarebbe quella di chiedere aiuto al medico, oppure a famigliari, amici o confidenti.

È importante agire fin dai primi segnali della malattia per garantire una diagnosi precoce e un intervento tempestivo conseguentemente una guarigione più rapida.

Purtroppo chi prova sensazioni di tipo depressivo spesso tende a non cercare aiuto, magari per timore di essere giudicato, per vergogna o per una forma di rifiuto verso questa stessa malattia.

Consiglio personale è rivolgetevi subito ad un professionista come psicologo o psichiatra, parlatene con chi vi fidate, coniuge, amici o parenti. Parlare vi aiuta, non vergognatevi, è una malattia e bisogna guarire.


Come può aiutarci il CBD?

Partiamo dal presupposto che purtroppo il CBD non può far guarire dalla depressione, servono aiuti di specialisti ed in caso anche di farmaci specifici.

Ma può darci una grande mano per alleviare stati depressivi o ansioni brevi.

La molecola del CBD ha dato risultati promettenti nel trattamento della depressione.

Ben pochi sanno ma il corpo umano produce autonomamente alcuni cannabinoidi, chiamati endocannabinoidi, coadiuvato dal consumo di acidi grassi presenti in pesce, noci e semi.

Alcuni studi evidenziano che il CBD è in grado di interagire con il sistema endocannabinoide umano.

Il sistema endocannabinoide regola alcune funzionalità umane come l'umore, l'appetito e il sonno.

Il CBD si lega a specifici recettori nel cervello, gli endocannabinoidi amplificano l'azione della serotonina, un neurotrasmettitore che risolleva il tono dell'umore e allevia lo stress.

La depressione influisce proprio sulla produzione di seratonina o sulla sua ricaptazione da parte dei recettori stessi.

Per questo il CBD riduce i sintomi di depressione migliorando l'attività dai recettori a cui si lega la serotonina.

Gli effetti del CBD sul sistema endocannabinoide, e la sua capacità di rilasciare ed ottimizzare la serotonina, riescono a produrre sensazioni di calma e rilassamento tipicamente associate all'assunzione di cannabidiolo.

Il CBD possiamo assumerlo in svariati modi (come avevamo già riportato in questo articolo) i principali sono l'olio al CBD e la Cannabis Light.

 

Un po' di scienza

Visto che noi vogliamo essere un blog serio, ogni nostro articolo è sempre corredato da studi scientifici.

Uno studio svolto nel 2010 su cavie da laboratorio ha mostrato che il CBD agisce da "antidepressivo, con effetti paragonabili a quelli di certi farmaci".
I topi sono stati sottoposti ad un test di nuoto, per valutare gli effetti del CBD sulla motivazione. I risultati hanno evidenziato che il cannabidiolo ha effetti positivi sull'attività fisica dei ratti.

Tali risultati sono stati confermati nel 2016, quando uno studio simile su animali ha rivelato l'efficacia del CBD come antidepressivo. Il test ha indicato che i ratti erano molto più attivi e motivati dopo aver ricevuto CBD per via orale.

Anche una ricerca del 2011, con l'intento di scoprire il ruolo del sistema endocannabinoide nell'attenuazione della depressione, ha evidenziato gli effetti benefici del CBD.

L'indagine ha rivelato che "una carenza di segnali nel sistema endocannabinoide è sufficiente a produrre un fenotipo depressivo".

La ricerca ha scoperto che colmando questa carenza con il CBD, sarebbe possibile trattare i sintomi della depressione. È stato sufficiente bilanciare il sistema endocannabinoide con il CBD per ottenere effetti simili a quelli dei normali antidepressivi.

Uno studio sui ratti condotto nel 2016 ha evidenziato che i livelli di serotonina e di glutammato aumentano notevolmente dopo la somministrazione di CBD.

Subito dopo aver iniettato CBD nelle cavie, i ricercatori hanno notato una "rapida azione simil-antidepressiva".

Conclusione

Concludendo dopo aver letto svariati studi scientifici, qui sopra abbiamo riportato gli ultimi svolti. Il CBD può rappresentare un potenziale trattamento per contrastare depressione e ansia.



Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Lascia un commento

×
Welcome Newcomer

x