Ordina ora e riceverai la tua Cannabis Light tra le 18.00 e le 24.00 - Scrivici in chat o chiama al 351 982 7931 per ordinare :)

I 10 Falsi Miti sulla Cannabis

 

Introduzione

 

La cannabis sta diventando sempre più accettata in molti luoghi, purtroppo cirolano molte false notizie, chiariamo alcune di queste idee sbagliate.

Ecco i 10 Falsi Miti sulla Cannabis da fumare che oggi sfateremo!!

 Ai giorni nostri, i consumatori di cannabis godono di molte più libertà rispetto a pochi decenni fa. In molti Paesi, stiamo assistendo all'approvazione di leggi sempre meno repressive in materia di marijuana e il consumo è più tollerato che mai.

In alcuni luoghi, come in Canada e in alcune parti degli Stati Uniti, l'uso di cannabis a fini ricreativi è stato completamente legalizzato.

Tuttavia, la cannabis non ha ancora abbandonato del tutto la sua figura negativa. Gli echi di un tempo, quando la marijuana veniva raffigurata in video propagandistici come il “Reefer Madness” e la criminalizzazione della cannabis era usata per perpetuare l'ingiustizia razziale, continuano a farsi sentire.

Oggi, le persone possono accedere a tutti i tipi di informazione su internet, ma non sempre sono affidabili e veritiere. A quanto pare, alcune vecchie menzogne non svaniscono così facilmente come altre. Possiamo comunque fare la nostra parte per chiarire alcune di queste idee sbagliate. Diamo un'occhiata ad alcuni dei miti più diffusi sulla cannabis!

 

1. LA CANNABIS È UNA DROGA DI PASSAGGIO

• Falso

Una delle teorie più diffuse che si sentono da chiunque ha frequentato una scuola, è che la Marijuana è una “droga di passaggio”, cioè che la cannabis porti ad utilizzare sostanze stupefacenti sempre più pericolose.

E' una teoria diffusa appositamente dai dettratori della marijuana, usando la scusa che chi abusa di sostanze stupefacenti sia partito proprio dalla cannabis. Questo può anche essere vero ma non necessariamente una certezza, pensiamo che comunque la cannabis è la sostanza stupefacente più diffusa e facilmente reperibile al mondo.

Uno studio nazionale del 2015 scoprì che la maggior parte dei consumatori abituali di cannabis non sono mai passati alle droghe pesanti e che i fattori psicologici e socioeconomici hanno svolto un ruolo importante in questo documento. Esattamente come un vostro parente può godersi il suo bicchiere di vino cenando, molte persone a cui piace l'erba non hanno alcun interesse a passare alle droghe pesanti.

 

2. FUMARE MARIJUANA RENDE PIGRI

• Falso

Non è propriamente vero, esistono molte tipologie di Cannabis che suddividono sopratutto in due grandi categorie, indica e sativa.

La sativa ha effetti più energizzanti che consente a molte persone di essere più attive e creative, sopratutto si consigli di utilizzarla durante il giorno.

Poi esiste la tipologia indica dove questa è più indicata per appunto riposarsi, rilassarmi e consigliata di usarla la sera magari prima di andare a dormire.

Per questo è un falso mito a metà dipende dalla tipologia che noi predilegiamo.

 

3. LA CANNABIS NON CREA DIPENDENZA

• Falso

Benché sia vero che la cannabis non crei la stessa dipendenza indotta dalle droghe pesanti come gli oppioidi, può sicuramente dare assuefazione. A seconda delle istituzioni, termini come “dipendenza da cannabis”, “assuefazione da cannabis” e “disturbo da uso di cannabis” sono spesso usati per spiegare il fenomeno dell'insorgenza di una dipendenza fisica ed emotiva dalla cannabis.

E nonostante esistano sintomi di astinenza associati alla mancanza di marijuana, come irritabilità, difficoltà a dormire e nausea, non si tratta di problemi gravi o potenzialmente letali. In questo senso, la dipendenza da cannabis è forse più paragonabile a quella da caffè o da videogiochi, entrambe associate a sintomi di astinenza fisica. Pertanto, la nostra classificazione di dipendenza rimane in un'area grigia.

 

4. CON LA CANNABIS NON SI PUÒ ANDARE IN OVERDOSE

• Falso

Sì, si può andare in overdose con la cannabis, allo stesso modo in cui potreste eccedere con qualsiasi altra sostanza. D'altronde, si può anche andare in overdose di acqua. Quasi tutti i fumatori esperti hanno avuto, ad un certo punto della loro vita, qualche brutta esperienza con un sovradosaggio di cannabis, raggiungendo uno sballo troppo forte per i loro gusti.

È risaputo che con edibili e concentrati può insorgere un sovradosaggio, soprattutto tra chi non ha familiarità con i loro effetti. Ma c'è una grande differenza tra un'overdose innescata dalla cannabis ed una provocata da altre sostanze psicoattive. Potete fumare o mangiare grandi quantità di marijuana e ritrovarvi poi a vomitare, ad avere forti vertigini o a sentire stati d'ansia, ma non esiste un solo caso in cui un sovradosaggio di sola erba abbia causato danni a lungo termine o morte. Quindi, se vogliamo definire overdose “l'assunzione di una quantità eccessiva d'erba”, allora sì, può verificarsi una overdose da marijuana.

 

5. LA CANNABIS NON HA ALCUN VALORE MEDICINALE

• Falso

Se qualcuno vi dovesse dire che la cannabis non ha alcun beneficio terapeutico, non dovreste avere alcuna difficoltà a dimostrare il contrario.

Di fatto, sul mercato esiste un farmaco approvato dalla FDA che sfrutta il CBD sintetico per trattare le convulsioni.

Per farla breve, affermare che la cannabis non può avere alcun uso medicinale è del tutto falso. Sebbene siano necessari ulteriori studi per svelare il suo intero spettro di applicazioni, il potenziale terapeutico della cannabis è innegabile.

 

6. POTETE FACILMENTE INGANNARE UN TEST ANTIDROGA DELLE URINE

• Falso

No, assolutamente no, è davvero dificile ingannare i test antidroga che rilevano il THC nella pipì, perchè purtroppo la Cannabis rimane nel nostro corpo per svariato tempo, dai 10 giorni ai 30 giorni per i consumatori più abituali.

Ci sono prodotti che dicono che eliminano il THC, ma seriamente non ne ho mai trovato uno che funzioni.

L'unico modo, purtroppo, è astenersi, non c'è modo di ingannare il test delle urine sul THC, a meno che ..

Non usate la pipì di un altro o qualche strano gadget ;)

 

7. FUMARE CANNABIS DANNEGGIA L'ORGANISMO QUANTO L'ALCOL O IL TABACCO

• Falso

Ogni anno milioni di persone muoiono o rimangono con la salute gravemente compromessa per l'abuso di alcool e sigarette, questo è un dato a tutti risaputo.

Ma non esistono prove che attestino che l'uso di marijuana crei danni di tipo fisici, negli adulti parliamo ovviamente.

L'unico inghippo è che la scienza non ha ancora scoperto se il fumo della cannabis rappresenta lo stesso rischio di cancro ai polmoni del tabacco. Ma la cannabis in sé sembra essere tollerata molto meglio dal nostro organismo rispetto al tabacco e all'alcol. Quindi, se siete preoccupati delle potenziali minacce del fumo di marijuana, provate a consumare edibili o ad usare i vaporizzatori.

 

8. LA CANNABIS PUÒ CURARE L'ANSIA

• Falso

Come qualsiasi altra pillola o integratore, la cannabis non può curare l'ansia, la depressione o qualsiasi altro problema di salute. Tuttavia, può aiutare a gestire meglio certi sintomi in alcuni individui. La cannabis può rivelarsi molto utile in aggiunta ad una terapia o come potenziale alternativa a specifici farmaci, ma da sola non vi libererà di sicuro dall'ansia.

Inoltre, nonostante alcune persone riescano effettivamente ad allontanare in pochi istanti lo stress e le tensioni dopo aver fumato molte altre tendono a diventare più ansiose. Tra gli individui con una storia familiare o personale di malattie mentali, si ritiene addirittura che il THC possa innescare sintomi psicotici a breve termine.

 

9. LA CANNABIS È NATURALE, PERTANTO NON PUÒ FAR MALE

• Falso

A volte, molti sostenitori della cannabis preferiscono dire che “poiché la cannabis è naturale, è universalmente sicura da usare”. Benché non sia letale o dannosa come altre droghe, l'erba non è priva di rischi. Pensate anche solo ad altre sostanze naturali come le tossine prodotte da animali o funghi. Solo perché sono naturali non significa che vogliate ingerirle senza alcuna moderazione.

Per l'adulto medio, i pericoli derivanti dall'uso della cannabis sono minimi. Nei bambini e nei giovani, tuttavia, la situazione cambia drasticamente. La cannabis può influire negativamente sullo sviluppo del cervello rallentando potenzialmente la formazione di nuove connessioni cerebrali, ostacolando l'apprendimento e facilitando gli stati d'ansia e la depressione negli adolescenti. Una volta che il cervello e il sistema endocannabinoide sono maturi, tuttavia, questi rischi sono ampiamente mitigati.

 

10. TUTTI I FUMATORI DI MARIJUANA CONSUMANO GRANDI QUANTITATIVI D'ERBA

• Falso

Tutti conosciamo “quel ragazzo” che fuma dal momento in cui si alza fino a quando va a dormire la sera, e che nessuno ha mai visto sobrio, mai! Ma la verità è che i consumatori assidui costituiscono solo una piccola parte dei consumatori di marijuana. Circa la metà dei fumatori d'erba raramente fuma canne tutto il giorno o al massimo l'ha fatto qualche volta in passato. Chi la usa più di frequente, anche tutti i giorni, continua a fumarla in modo intermittente, piuttosto che per tutto il giorno.

Lascia un commento

×
Welcome Newcomer

x